Il concetto di Bisogni Educativi Speciali (BES) si basa su una visione globale della persona prendendo come riferimento la classificazione internazionale del funzionamento, disabilità e salute (Internazional Classification of Functioning, disability and health) definita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

L’espressione BES è diventata di uso comune nella scuola italiana dopo l’emanazione della Direttiva Ministeriale del 27/12/2012 e della Circolare Ministeriale n°8 del 6/03/2013, dove, con tale acronimo, viene indicata una vasta gamma di alunni che rientrano in tre grandi categorie: quella della disabilità (Legge 104 del 1992), quella dei disturbi evolutivi specifici, DSA, (Legge 170 del 2010) e quella dello svantaggio socioeconomico, linguistico e culturale.

Per questi alunni lo strumento privilegiato è il percorso individualizzato e personalizzato che viene esplicitato in un Piano Didattico Personalizzato.

 Vengono allegati i modelli per la compilazione dei Piani Didattici Personalizzati